Neuschwanstein
SHOW EVENTS

Pietro Annigoni - 1910 bis 1988

Cinciarda, 1945, Öl-Tempera auf Leinwand, 180 x 100 cm, Sammlung Benedetto Annigoni, Borgo S. Lorenzo
Cinciarda, 1945, Öl-Tempera auf Leinwand, 180 x 100 cm, Sammlung Benedetto Annigoni, Borgo S. Lorenzo

Description
The Exposition

From 17th March through 24th June 2001 Panorama Museum Bad Frankenhausen presents the exhibition „Pietro Annigoni – 1910 to 1988“. The exposition prepared in collaboration with Firenze Mostre and the family Annigoni in Florence, is the first retrospective one-man show of the great Italian painter in Germany.

The exhibition covering more than 100 works from the end of the twenties up to the death of Annigoni in 1988 gives a view into the extensive work of the artist. Beside to the genre of painting that allows a representative overview about this part of his work, there are also drawings, etchings, sculptures, medals, designs and sketches of frescos included.

The artist
„Pietro Annigoni adopts maybe one of the most strange positions within the history of contemporary art: the position of an artist who since decades is accepted without any reservation, or who is unreserved refused, who to several represents everything, but to the others absolutely nothing.“ (Nicolò Rasmo, 1961) Annigoni born in Milano in 1910, spent even as a child much time at Biblioteca Ambrosiana to study drawings by Leonardo as well as other great masters. Already at the age of 17 he attended the Academy of Fine Arts of Florence. The training there formed not only the artist Annigoni but also his complete personality, let arise long-standing friendships, and contributed a great deal to the development of his immense thirst for knowledge that let become him a man of great culture. Even at the age of 20 he had successful exhibitions in Milano and Florence. At that time he created a large number of drawings and paintings reflecting his immediate milieu - his friends, low dives, people he met at the pubs, or men from the street.

As a young impetuous mind even initially involved in the fierce controversies of new arising artistic groups and movements of the thirties, he was one of the signers of the manifesto of „Pittori Moderni della Realtà“ published in 1947, in which there was taken an openly stand against the abstractionism of modern arts. But soon he retired to the quiet of his studio. Annigoni followed his very own style that could not be classified as belonging to another grouping. Also perhaps of that the reviewers about his work diverge so much.
Bernard Berenson, specialist of Florentine Renaissance art, considered Annigoni not only to be one of the best painters of his Century, but also to be one of greatest at all. Even De Chirico held him in high esteem as a gifted artist. Others, like Carlo Carrà, reviewed his works to be anachronistic, or failed, indeed denied that there is technical skill in the performing.


But even more bitter was the fact that Annigoni was more or less completely passed over, and that he was discredited as a troublesome person for many years. During the fascist era and the years after he did not receive any significant public commission, he was never appointed to the Academy of Arts, and he never got the chance to a professorship.

Annigoni more and more drew himself back, and looked for a new sphere of activity he finally found in Britain where he moved to in 1949. His participation in an exhibition at the Royal Academy in London in 1949 was a resounding success. The English celebrated him as the preserver of the great Western art tradition. But most of all he attracted attention as an outstanding excellently painter of portraits as a result of which he got access to the highest ranks of stratum of society. In 1954 he created the very well-known representative portrait of Her Majesty Queen Elisabeth II of England, which brought him the reputation as the „Painter of the Queens“, a reputation he disliked intensely but surely smoothed a bit the artistic way for him. Through a great number of exhibitions in England, amongst them many a time at the Royal Academy, at Wildenstein (1950-54), at Agnew (1952-54), at the Association of British Arts (1961), Annigoni became a well-known painter.

The Work

„But Pietro Annigoni is not only the author of official portraits of representation. He is also the painter of the beggar ›Cinciarda‹, and he is the innovator of a religious history painting that is particularly contemporary intended. But perhaps his most impressive works are those in which he convincingly describes the solitude and alienation of modern human being: images of hermits and „true-to-life“ jointed dolls being quasi alive. In these paintings he not only succeeded in a deep philosophical understanding of the problems of his own time, but also a very authentic reflection of his visionary inner self that is filled both with hope and despair. Without any doubt, a pinnacle of this inner existential drama of emotion marks the trilogy „Solitudine“ created within a period of ten years (1963-1973). In addition there are landscapes, intimate portrait studies, interiors and - occasionally - still life which prove his outstanding colour perception and his sensitive feeling to colour nuances trained at the Macchiaioli as well as the Painters of Barbizon. So the complex work of Pietro Annigoni presents itself in many different ways as the result of a unique synthesis of reality and imagination, of sensual perception and metaphysical fantasy, of immediate experience of things and magic intensified symbols of reality.

The work of the artist has many facets. It extends from a small, hurried sketch up to monumental frescos at church-spaces. It covers etchings and lithographs as well as portrait busts (made of bronze or terracotta) and medals.

But without any doubt, in the centre of his work is placed painting developed on a sound basis of drawing. And everything is based on the deep convincing of the indispensable exemplariness of the great masters of the past, from Renaissance to Magic Realism, from Velàzquez (and Rembrandt) to Courbet. This concerns not only the climate of form, the sort of composition, the stylistics but also the used handiwork technique. The exceptional artistic standing of Annigoni who, refusing to accept any fashion current, any new modern style, put all his trust in his artistic skill and the inexhaustible power of expression of an objectivity immediate indebted to reality, is the result of this fundamental attachment to the tradition.“ (Gerd Lindner)


La mostra

Dal 17 marzo fino al 24 giugno il Panorama Museum presenta la mostra “Pietro Annigoni” – 1910/1988”. L’esposizione preparata in collaborazione con la Firenze Mostre e la famiglia Annigoni di Firenze, è la prima retrospettiva personale del grande pittore italiano in Germania.
La mostra, che contiene più di 100 opere dalla fine degli anni ‘20 fino alla morte di Annigoni nel 1988, dà una panoramica dell’intenso lavoro dell’artista e ripropone i suoi capolavori più rappresentativi, ma anche disegni, acqueforti, sculture, medaglie, bozzetti e parti di affreschi.


L’artista

Pietro Annigoni adotta forse una delle più strane posizioni nella storia dell’arte contemporanea: la posizione di un artista che da decadi è accettata senza alcuna riserva, o che è rifiutata totalmente; che per alcuni rappresenta tutto, per altri assolutamente niente” (Nicolò Rasmo, 1961).
Annigoni, nato a Milano nel 1910, passava, sin da quando era ragazzo, molte ore alla Biblioteca Ambrosiana per studiare i disegni di Leonardo come degli altri grandi maestri. Già all’età di 17 anni egli ha iniziato a frequentare l’Accademia di Arte a Firenze. L’apprendistato non solo ha formato Annigoni come artista, ma anche la sua completa personalità, gli ha permesso di conoscere amici di lunga data e ha contribuito allo sviluppo delle conoscenze, facendolo diventare un grande uomo di cultura. Già dall’età di 20 anni Annigoni ha fatto mostre sia a Milano che a Firenze. A quel tempo lui dipingeva un grande numero di disegni e opere che rispecchiavano il suo mondo : ritratti di amici, delle persone che incontrava nelle piccole taverne o nei pubs, o degli uomini di strada.
Quale giovane mente impetuosa, già dall’inizio coinvolta nelle feroci controversie dei nuovi gruppi e movimenti artistici emergenti degli anni ‘30, egli sottoscrisse il “Manifesto dei Pittori Moderni della Realtà” pubblicato nel 1947, nel quale dichiarò un’aperta presa di posizione contro l’astrattismo dell’arte moderna. Ma subito dopo si ritirò nella solitudine del suo studio e seguì il suo stile personale che non potrebbe essere classificato come appartenente a qualche gruppo. Forse è anche per questo che i critici divergono così tanto.
Bernard Berenson, conoscitore dell’arte Fiorentina Rinascimentale, considerava Annigoni non solo uno dei migliori pittori del suo Secolo, ma anche uno dei più grandi in assoluto. Anche De Chirico aveva per lui una grande stima come pittore dotato di grande talento. Altri, come Carlo Carrà, consideravano le sue opere anacronistiche e negavano che ci fosse un’abilità tecnica nei suoi lavori. Ma ancora più amaro era il fatto che Annigoni fu più o meno completamente ignorato e che fu discreditato per molti anni. Durante l’era del fascismo e gli anni successivi egli non ricevette nessuna commissione pubblica, non fu mai stato designato all’Accademia delle Arti, e non ebbe mai la possibilità di insegnare.

Annigoni cercò un nuovo campo d’azione e finalmente lo trovò in Gran Bretagna, dove andò nel 1949. La sua partecipazione ad una mostra della Royal Accademy a Londra nel 1949 fu un successo ridondante. Gli inglesi lo celebrarono come il continuatore della tradizione occidentale. Ma prima di tutto egli attirò l’attenzione come un eccellente pittore di ritratti, con il risultato che ottenne l’accesso ai ranghi più alti della società. Nel 1954 egli realizzò il famoso ritratto di Sua Maestà la Regina Elisabetta II di Inghilterra, che gli apportò la reputazione del “Pittore delle Regine”, una reputazione che a lui non piaceva, ma che aveva sicuramente appianato la sua strada artistica. Per un grande numero di mostre in Inghilterra, tra le quali molte alla Royal Accademy, a Wildenstein (1950-54), a Agnew (1952-1954), all’Associazione delle Arti Britanniche (1961), Annigoni divenne molto conosciuto.


Le opere

“Pietro Annigoni non è solo il pittore ufficiale dei ritratti. Ma è anche il pittore del mendicante ‘Cinciarda’ ed è l’innovatore di una pittura storica religiosa con un intento contemporaneo. Ma forse le sue opere più impressionanti sono quelle in cui egli descrive la solitudine e l’alienazione dell’essere umano moderno: immagini di eremiti e manichini senza vita che sembrano quasi vivi. In queste opere egli non solo fa un’introspezione psicologica dei problemi del suo tempo, ma anche un’autentica riflessione interna che è piena sia di speranza che di disperazione. Senza nessun dubbio, il culmine di questo dramma esistenziale interiore lo raggiunge con la trilogia delle “Solitudini” create in un periodo di 10 anni (1963-1973). In più ci sono paesaggi, studi di ritratti, interni, che provano la sua percezione e la sua sensibile relazione con i colori, imparata dai Macchiaioli, come dalla “Pittura en plein air” di Barbizon. Così il complesso lavoro di Annigoni si presenta, seguendo molte differenti vie, come il risultato di un’unica sintesi di realtà e immaginazione, di sensuale percezione e metafisica fantasia, di immediata esperienza di cose e magici simboli di realtà. L’opera dell’artista ha molte sfaccettature. Si estende da piccoli bozzetti fino ai monumentali affreschi nelle chiese. Copre acqueforti e litografie , come busti (in bronzo e terracotta) e medaglie.

Ma senza dubbio, al centro del suo lavoro ci sono i dipinti sviluppati sulla base di disegni. E ogni cosa è basato sul profondo convincimento dell’indispensabile esemplarità dei grandi maestri del passato, dal Rinascimento al Magico Realismo, da Velazquez (and Rembrandt) a Coubert. Questo per quanto riguarda non solo la forma, la composizione e la stilistica, ma anche la tecnica artigianale. L’eccezionale valore artistico di Annigoni che, rifiutandosi di accettare alcuna corrente di moda, alcun Neo Ismus, aveva fiducia nella sua abilità artistica e l’inesauribile potere di espressione di un’oggettività immediata, è il risultato di questo fondamentale attaccamento alla tradizione. (Gerd Lindner)














copyright © museum.com gmbh. all rights reserved.
copyright policy