Burg Altena, Germany
BOVINO Museo archeologico "Carlo Gaetano Nicastro"
     T O W N   T O U R     
<< previous     Dia 5 of 60     overview     next >>
CASTELLO (1^ PARTE)
CASTELLO DUCHI DI GUEVARA

Da qualunque direzione giunga a Bovino il visitatore non potrà fare a meno di notare subito la notevole mole di quest'antica residenza nobiliare e di immaginare quanto la sua posizione strategica sia stata fondamentale nell'antica difesa di questa cittadina subappenninica. Situato, infatti, su una prominenza rocciosa in uno dei punti più suggestivi dell'abitato, il Castello Ducale, noto anche come Palazzo Ducale per il suo carattere gentilizio, da centinaia di anni domina su ogni altra costruzione e, soggiogandola alla propria mole, la ingloba e la conclude. Tutto il paese sembra ruotare intorno ad esso e tutto sembra trovare unità, senso e protezione nell'articolazione della sua struttura, nella potenza della sua cinta muraria, nella complessità delle sue forme, nell'immagine di forza e sicurezza che anche solo uno sguardo distratto riesce a percepire e comunicare. Caratterizzato da una pianta poligonale irregolare che, ad anello, si svolge intorno ad un'ampia corte interna, il Castello Ducale appare come il risultato del sovrapporsi nel tempo di rimaneggiamenti, ristrutturazioni, ricostruzioni e solo raramente veri restauri. Vi si accede per mezzo di due ingressi: uno principale a nord-ovest, signorile, introdotto da un lungo viale acciottolato che permette di coglierne gradatamente tutta l'imponenza e maestosità, ed uno secondario pedonale ad est, che lo collega al cuore del centro antico e lo rapporta all'adiacente Cattedrale romanica. La sua apparente omogeneità costruttiva consente di percepire ogni ala dell'edificio come parte di un unico corpus edilizio, ma la volontà dei proprietari di ampliarlo e arricchirlo nelle sue varie parti ha lasciato varie tracce. Fondamentalmente presenta sul lato est un corpo di fabbrica dalla tipica caratterizzazione architettonica seicentesca; sul lato sud un'ala di ampia mole nel cui fronte opposto a quello sul cortile sono visibili resti di opus reticulatum romano; sul lato ovest un corpo di fabbrica più volte rimaneggiato ed adattato alle esigenze del collegio femminile che lo abita attualmente; sul lato nord, infine, una serie di organismi architettonici di epoche molto diverse, quali la torre "a Cavaliere" bizantina, l'attiguo Cassero normanno e la settecentesca torre dell'orologio. L'intero complesso castellare si sviluppa su tre piani ed è collegato da numerosi locali seminterrati tutti comunicanti tra loro e con gli altri livelli. Inoltre i suoi prospetti esterni raccolgono numerosi stemmi e lapidi con iscrizioni latine, mentre i locali interni si pregiano di decorazioni lignee ed in pietra. Il ricco patrimonio della antica e rinomata biblioteca ducale, fino a qualche decennio fa all'interno dell'edificio, è stato ultimamente trasferito nella vicina Biblioteca Diocesana, dove i visitatori possono quotidianamente ammirare e studiare testi antichi di indubbio valore. La bellezza e la particolarità di questo complesso castellare risiedono proprio nel complesso e continuo intreccio di storia e cultura, costruzioni e trasformazioni, esigenze difensive e velleità nobiliari...tutto parla di un passato che altrove non c'è più, ma che all'interno di queste mura si avverte ancora come vivo e presente. Il Castello sorge nel luogo dell'antica rocca costruita dai Romani dopo la guerra sociale, come testimoniano tracce di ordinaria muraria ed altre opere venute alla luce ai principi del secolo nel cortile quadrangolare.(Segue Castello 2^ parte)





copyright © museum.com gmbh. all rights reserved.
copyright policy