GROSSETTI ARTE CONTEMPORANEA
Milano, Italy

GROSSETTI ARTE CONTEMPORANEA
Via di Porta Tenaglia 1/3

Milano, I-20121 Italy
Phone +39-02-29 06 21 28, Fax +39-02-29 01 47 67
http://grossettiart.museum.com    grossettiart@tiscali.it
http://www.grossettiart.it


la nuova galleria

Description
STORIA DELLA GALLERIA GROSSETTI

L'origine dell'attività, nell'ambito dell'arte moderna e contemporanea, della famiglia Grossetti inizia con il capostipite Bruno Grossetti senjor che con la Galleria a Milano, si occupò degli artisti allora giovani, destinati a diventare i rappresentanti delle avanguardie storiche del nostro secolo. I più importanti sono: Boccioni, Carrà, De Chirico, De Pisis, Modigliani, Picasso, Sironi e altri. Il figlio Carlo Grossetti, dopo aver collaborato dal 1954 al 1958 nella galleria paterna, inizia la propria esperienza di mercante d'arte e fonda in proprio il Salone .

L'intento è di avviare un'attività più aperta alla sperimentazione dei giovani artisti, alternando però ai nuovi talenti quelli già affermati, ritentili fondamentali per l'impostazione teorica della linea della galleria.

Nel 1977 Carlo Grossetti apre lo Studio in via dei Piatti 9, che svolgerà per due anni attività affiancata a quella del Salone di via Manzoni. Nel 1979 avviene il trasferimento definitivo dell'attività da via Manzoni allo Studio Carlo Grossetti.
Della pluriennale attività di questa storica galleria d'avanguardia ricordiamo alcune delle mostre più importanti: Asger Jorn, Mario Nigro, Emilio Vedova, Hans Hartung, Victor Brauner, Sebastian Matta. Giuseppe Spagnulo, Marco Gastini, Nicola Carrino, Roman Opalka, Stanislav Kolibal, Pietro Consagra, Dadamaino, Jan Schoonhoven, Gilberto Zorio, Maurizio Nannucci, Claudio Parmiggiani, Armando, Lucio Fontana, Gianni Colombo, Heimut Schobèr, Gunther Uecker, Raimund Girke, Mark Harris, Scultura monumentale della Nigeria, Lucio Pozzi, Wilfredo Lam.

Di particolare rilievo "Scultura europea" da Archipenk, Arp, Armitage, De Chirico, Duchamp, Max Ernst, Fontana, Giacometti, Marini, Martini, Man Ray Manzù, Moore, Rodin, Medardo Rosso, Wildt, Wotruba etc.
In questi anni il lavoro della Galleria, che si confronta con il grande mercato internazionale. (Carlo Grossetti è tra i primi a partecipare a due delle più importanti fiere d'arte del mondo Basilea e Colonia) si avvale della collaborazione del giovane Bruno Grossetti, nato a Milano nel 1963, che affianca l'attività del padre seguendo la tradizione di famiglia, occupandosi di gestire il patrimonio raccolto nel tempo e di promuovere oltre agli artisti della sua generazione Sean Shanahan, Enzo Castagno, Andrea Massaioli, Roberto Rizzo, Arcangelo Sassolino, Maria Morganti, Sergio Ragalzi, Salvatore Garau, Michael Wesely, anche il lavoro più recente di artisti come: Giuseppe Spagnulo, Eliseo Mattiacci, Paolo Icaro, Hidetoshi Nagasawa, Marco Gastini.

Nel 1997, dopo la scomparsa di Carlo Grossetti, la galleria prende la denominazione di Grossetti Arte Contemporanea ed è diretta definitamente da Bruno Grossetti J.
Oltre al proseguimento dell'attività, si fa sempre più stretta la collaborazione con diversi musei internazionali come il Lembachaus di Monaco, Reina Sophia di Madrid, Guggenheim di Venezia, Museo Pecci di Prato, Galleria D'arte Moderna di Roma, Galleria D'arte Moderna di Bologna, Galleria D'arte Moderna di Torino, Palazzo Reale a Milano ed altri ancora in Giappone; Cecoslovacchia etc. per l'organizzazione e la realizzazione di mostre con prestiti e comodati di opere.

Artisti della Galleria

Rodolfo Aricò, Gianni Bertini, Rossella Bellusci, Antonio Calderara, Davide Cantoni, Roberto Caracciolo, Nicola Carrino, Enzo Castagno, Roberto Crippa, Walter Cascio, Dadamaino, Gianni Dova, Lucio Fontana, Marco Gastini, Salvatore Garau, Raimund Girke, Hans Hermann, Paolo Icaro, Giorgia Madiai, Carmengloria Morales, Maria Morganti, Andrea Massaioli, Mario Nigro, Arnaldo Pomodoro, Gio Pomodoro, Lucio Pozzi, Claudio Olivieri, Giuseppe Spagnulo, Roberto Rizzo, Sergio Ragalzi, Sean Shanahan, Arcangelo Sassolino, Valentino Vago, Michael Wesely.






copyright © museum.com gmbh. all rights reserved.
copyright policy