Burg Altena, Germany
BOVINO Museo archeologico "Carlo Gaetano Nicastro"
     O T H E R   I T E M S     
<< previous     Dia 90 of 98     overview     next >>
Bovinesi illustri
Guido Manfredonia

Guido Manfredonia è nato a Bovino, in provincia di Foggia, l’11 Novembre 1929. Suo primo insegnante per gli studi ginnasiali fu il Canonico don Pasquale Cera, al quale, con scarsissima mercede, incombeva la preparazione dei giovani del paese. Frequentò dal ’46 al ’49 il Liceo Vittorio Emanuele in Napoli e nel ’53 conseguì la laurea in giurisprudenza all’ Università di Bari. E’ sposato ed ha due figlie. Durante il periodo universitario lavorò con i braccianti del suo paese alle opere di rimboschimento. Nel gruppo ENI dal 1955 al 1988, dal 1953 al 1955 fu produttore per l’Italia Meridionale della Marchetti F.A. di Milano; fu quindi assunto all’Agip , è stato direttore delle filiali di Padova Palermo, Napoli e Roma, responsabile del Marketing assistente del direttore generale, è stato presidente e amministratore delegato della Società Esercizio Motels Italia. Oltre al lavoro, continuò a raccontare le sue testimonianze sul meridione e sul lavoro, scrivendo diversi libri, tra cui -Direzione,dirigente,dirigibile – 1981 - dal quale abbiamo ricavato queste notizie biografiche. Questo breve romanzo gli consentì di ricevere il premio opera prima, al terzo premio di narrativa Città di Gela con la seguente motivazione: “ L’autore traducendo luoghi, figure e situazioni reali in fantasmi della sua immaginazione simbolica e trasferendo così, e accentuando l’inquietudine dell’uomo in continuo gioco di opposizioni e di affermazioni, mediante uno stile limpido ed una essenzialità lessicale, si fa interprete dell’esigenza di testimoniare il meridione presentando nell’integra bellezza dei suoi luoghi, nella sorprendente schiettezza della sua gente, nell’impalpabile poeticità dei suoi uomini”. -Il diploma di Saro -1983- romanzo breve che la critica così commentò: IL GAZZETTINO- “ Manfredonia con questa storia vera voleva salvare ed esaltare il pane ed il sale, le cose semplici e fondamentali che fanno di un uomo un uomo”; LA SICILIA- “…il tratto è scheletrico e incisivo. La forma tradisce la cultura umanistica del suo autore che ha scritto, forse, sotto la pressione di un avvenimento reale traumatizzante. Sicchè tutto il racconto ne avverte la drammaticità. Un ottimo lavoro in conclusione”; IL SECOLO XIX – “…la concretezza dei suoi obiettivi si coniuga con fondamentali momenti etici…”; IL PICCOLO – “Scrittore di grande sensibilità, attento indagatore della psicologia e del comportamento umano” IL TEMPO – “Un romanzo breve, intenso eppure lieve, fuori dai modi intricati e provvisorie ispirazioni. Lo stile cristallino e secco di Manfredonia e le sue intuizioni arricchiscono una struttura narrativa molto efficace”; ESPANSIONE – “Parte dalla consapevolezza che l’attività professionale è direttamente proporzionale all’etica personale e contribuisce all’affermazione dei valori imprenditoriali. Lo stile immediato, quasi in presa diretta, necessario per una testimonianza drammatica come quella di Manfredonia”.





copyright © museum.com gmbh. all rights reserved.
copyright policy